Neuroscienze

Come controllare con la proprio mente il braccio di qualcun’altro

Come controllare con la proprio mente il braccio di qualcun’altro

Elia Magrinelli

ottobre 8th, 2015

No comments

Greg Gage è un neuroscienziato ed ingegnere statunitense che in questo video del suo Ted talk spiega la sua iniziativa chiamata Backyard Brains. Lo scopo di questa compagnia è di portare il fascino della neuroscienza a più persone possibile. Egli spiega che la materia delle neuroscienze non appartiene alle materie presente nella maggior parte dei programmi scolastici, prima di arrivare all’università queste materie non vengono affrontate. Inoltre le apparecchiature utilizzate per studiare il cervello sono molto costose il numero di persone che ne hanno accesso è limitato ai soli ricercatori.

La ricerca neurologica è però un tema molto importante dal momento che statisticamente una persona su 5 soffre di malattie neurologie, per la quali le cure sono molto limitate. Ispirare le nuove generazioni ad interessarsi alle neuroscienze potrebbe quindi aumentare gli sforzi di ricerca scientifica svolti in questo campo e quindi arrivare più in fretta a soluzioni terapeutiche per le persone affette da patologie neurologiche.

Backyard Brain è una compagnia fondata da Greg Gage che si occupa di creare strumenti neuroscientifici a basso costo e facili da usare con finalità ludico-educative. in questa presentazione mostra come è possibile visualizzare ed ascoltare l’attività nervosa dei neuroni motori che inviano i comandi necessari a muovere una mano. Posizionando elettrodi sulla superficie dei muscoli dell’avambraccio è possibile registrare l’attività delle sinapsi neuromuscolari che fanno muovere la mano. Se questi segnali vengono registrati ed allo stesso tempo copiati sotto forma di stimolazione elettrica è possibile indurre lo stesso movimento su una persona sulla quale sono stati applicati degli elettrodi in prossimità dei nervi giusti, in questo caso il nervo ulnare che porta le informazioni dalla colonna vertebrale alla mano.

0 people found this helpful

0 people did not find this helpful

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *