Anatomia e fisiologia

Il potere dell’effetto placebo

Il potere dell’effetto placebo

Elia Magrinelli

settembre 16th, 2016

No comments

Nel 1996, 66 volontari presero parte ad uno studio mirato a provare l’efficacia di un antidolorifico: la Trivaricaina. A ciascun partecipante è stato spalmato su un dito indice un po’ del nuovo farmaco, mentre all’altro indice non venne fanno nulla. Quindi entrambe gli indici sono stati strizzati con delle pinze allo scopo di provocare del dolore. I partecipanti dissero di provare meno dolore dal dito trattato con il farmaco. Non sembrerebbe esserci nulla di strano in questo risultato, se non per il fatto che la Trivaricaina non era un farmaco, solamente un composto fatto per sembrare un farmaco, ma privo di alcun principio antidolorifico. Cosa ha reso quindi i partecipanti, studenti universitari, così sicuri che la medicina aveva funzionato. La risposta è l’effetto placebo, come spiegato in questo video di Ted-ed.

Per effetto placebo si intende un fenomeno ancora non spiegato grazie al quale farmaci, trattamenti e terapie che non dovrebbero avere alcun effetto, e che spesso sono totalmente fasulli, fanno sentire meglio i pazienti. I dottori hanno usato il nome placebo sin dal 1700, quando scoprirono il potere che finti farmaci potevano avere nel migliorare i sintomi dei loro pazienti. Questi rimedi placebo all’epoca venivano somministrati quando farmaci adeguati non erano disponibili, oppure quando i pazienti credevano solamente di essere malati. La parola placebo significa “compiacerò” in latino, riferita a come questi metodi venissero usati per calmare pazienti problematici.

Per essere convincente, i placebo devono assomigliare alle medicine vere, pertanto vengono creati in forma di pillole di zucchero, iniezioni d’acqua e perfino finti interventi chirurgici. Presto i dottori realizzarono che quest’effetto poteva essere utilizzato anche nei test clinici. Negli anni ’50 i ricercatori utilizzavano i placebo per valutare l’efficacia di nuovi trattamenti. Metà pazienti in un test ricevevano il vero farmaco, mentre l’altra metà riceveva un placebo dallo stesso aspetto. Poiché i pazienti non sapevano quale delle due ricevevano i risultati non erano influenzati. Quindi, se il nuovo farmaco mostrava un cambiamento significativo rispetto al placebo veniva confermato come efficace.

Oggigiorno il placebo non viene usato in questo modo, per via di problemi etici. Qualora possibile si preferisce confrontare un nuovo farmaco con uno vecchio o con una diversa, soprattutto se i pazienti che partecipano allo studio hanno un problema di salute grave. In questi casi i placebo sono usati come dei controlli per affinare ancora di più il test, confrontandoli con i risultati del farmaco nuovo e quello vecchio.

Ad ogni modo sappiamo per certo che l’effetto placebo porta a cambiamenti fisiologici. L’effetto placebo può portare sollievo da problemi di diverso tipo: come problemi cardiaci, asma, e dolore acuto. Ancora non sappiamo spiegarci l’origine di quest’effetto. Alcuni credono che anziché essere reale, l’effetto placebo viene confuso con altri fattori, come la voglia dei pazienti di compiacere i dottori dicendo di sentirsi meglio. Altri ritengono invece che se una persona è convinta che quanto sta facendo lo farà migliorare può scatenare risposte fisiologiche che lo migliorano alcuni sintomi. L’effetto placebo può provocare cambiamenti significativi nella pressione sanguigna, nel battito cardiaco e nel rilascio di molecole che riducono il dolore, come le endorfine, cosa che spiega perchè spesso il placebo risulta efficace a ridurre il dolore in studi sul dolore. L’effetto placebo può anche ridurre la concentrazione di ormoni che provocano stress, come l’adrenalina.

Non dovremmo quindi celebrare gli strani effetti benefici del placebo? In realtà non è questo sempre è il caso. Se qualcuno crede che un rimedio fasullo gli abbia curati, potrebbero rinunciare ad adoperare rimedi veramente efficaci. Inoltre, gli effetti positivi del placebo spesso svaniscono nel tempo. Inoltre l’effetto placebo spesso rende poco chiari i test clinici, rendendo gli scienziati ancora più motivati a capire come quest’effetto può influenzarci a tal punto. Con tutto quello che conosciamo sul corpo umano esistono ancora degli strani misteri, come quello dell’effetto placebo. Quali altri strani misteri possiamo ancora celare? Spesso è facile esplorare il mondo che ci circonda, mentre dimentichiamo che uno dei suoi soggetti più affascinante si trova proprio dietro ai nostri occhi.

0 people found this helpful

0 people did not find this helpful

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *