Missione Rosetta – a caccia di comete

Aggiornamento sulla missione Rosetta (28 giugno 2016)

Aggiornamento sulla missione Rosetta (28 giugno 2016)

Elia Magrinelli

Luglio 27th, 2016

No comments

Mancano pochi mesi alla fine della sua missione, ma Rosetta è continuamente impegnata nello studio della cometa 67p Churyumov Gerasimenko. Di recente ha inoltre effettuato un nuovo record, volando a solo 7km dal centro della cometa, 5 km dalla sua superficie e si prevedono manovre ancora più al limite nelle prossime settimane. Questo video dell’ESA racconta alcune delle scoperte più importanti svolte in questa missione e quali saranno le ultime fasi della missione.

Sylvain Lodiot, manager delle operazioni di Rosetta all’ESA, racconta come Rosetta cercherò di arrivare sempre più vicina alla cometa negli ultimi suoi mesi di vita, orbitando attorno alla cometa con orbite ellittiche con un pericentro, ovvero la distanza minore dalla cometa, molto basso, fino a 1 km dalla superficie. Rosetta sta seguendo la cometa 67p da circa 2 anni, inizialmente durante l’avvicinamento alla cometa, all’aggancio della sua orbita e quindi durante il suo avvicinamento ed allontanamento dal Sole. Grazie a questi studi ora sappiamo che la cometa è talmente leggera e porosa che sarebbe in grado di galleggiare sull’acqua, nonostante abbia un aspetto roccioso.

Le temperature alla sua superficie raggiungono anche i -100°C. I gas che vengono emessi dalla cometa includono solfito di idrogeno e metano. Mark Hofstader, ricercatore dedicato all’analisi dei dati dello strumento MIRO, racconta come l’emissione di gas dalla cometa cambia aumenta fino a 1000 volte dall’analisi della cometa a quanto questa era più vicina al Sole. Asteroidi e comete potrebbero aver portato acqua e molecole organiche sulla superficie della Terra durante il periodo critico del suo sviluppo.

Tuttavia raccogliendo gas e polveri emessi dalla cometa sappiamo che l’acqua qui trovata non ha la stessa composizione di isotopi rispetta a quella presente sulla Terra, tuttavia Rosetta ha scoperto molecole considerate importanti per l’origine della vita. Questo include il ritrovamento di fosforo sulla cometa e a anche l’amminoacido glicina. Kathryn Altwegg, ricercatrice coinvolta nell’analisi dei dati dello strumento ROSINA, spiega come i dati raccolti indichino che la cometa contiene molecole organiche anche molto complesse, tra i quali aminoacidi essenziali per la vita sul nostro pianeta. Queste molecole di glicina trovate su 67p si sono formate ancora prima della nascita del sistema solare. Questo dato indica come aminoacidi quali la glicina potrebbero essere presenti in molte zone dell’Universo, un dato che fa sperare nell’esistenza della vita oltre il nostro sistema solare.

Più volte la presenza di glicina nell’atmosfera delle cometa, la sua chioma, è stata confermata dagli strumenti di Rosetta. La glicina è l’unico aminoacido noto che può formarsi in assenza di acqua, si ritiene che si possa formare quando granelli di polvere ghiacciati vengo rilasciati nella chioma riscaldandosi. Anche il gas nobile Argon è stato trovato nella chioma della cometa e altri due gas nobili sono stati identificati dallo strumento ROSINA durante i voli di Rosetta più vicini alla superficie, Xenon e Kripton. Questi elementi sono stati identificati in molti dei loro isotopi, un dato essenziale per raccogliere informazioni sulla storia del sistema solare.

Presto questi dati permetteranno di effettuare dettagliate analisi sull’origine della cometa 67p e sulla domanda più generale del ruolo delle comete nella formazione del nostro sistema solare. Andrea Accomazzo, responsabile delle missioni solari e planetarie dell’ESA, spiega come questa missione sia stata un’occasione unica per raccogliere informazioni oltre a costituire un capolavoro di volo spaziale. I dati raccolti nelle ultime settimane di vita di Rosetta permetteranno ulteriori utilizzi di questa missione in ambito scientifico, portando a molte nuove pubblicazioni di dati nelle settimane e negli anni che seguiranno la fine della missione di Rosetta questo Settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *